TRAMA IN BREVE

In Caino, Saramago ci racconta L'Antico Testamento in modo personale e fortemente ironico.

DEDICA

A Pilar, come se dicessi acqua

EPIGRAFE

Per la fede, Abele offrì a Dio un sacrificio migliore di quello di Caino. A causa della sua fede, Dio lo considerò suo amico e accettò con soddisfazione le sue offerte. Ed è per la fede che Abele, anche se morto, ancora parla.

(Ebreo, 11, 4)
Libro degli spropositi

INCIPIT

Quando il signore, noto anche come dio, si accorse che ad adamo ed eva, perfetti in tutto ciò che presentavano alla vista, non usciva di bocca una parola né emettevano un sia pur semplice suono primario, dovette prendersela con se stesso, dato che non c'era nessun altro nel giardino dell'eden cui poter dare la responsabilità di quella mancanza gravissima, quando gli altri animali, tutti quanti prodotti, proprio come i due esseri umani, del sia-fatto divino, chi con muggiti e ruggiti, chi con grugniti, cinguettii, fischi e schiamazzi, godevano già di voce propria.

RECENSIONE

Ho ucciso mio fratello. Se i tempi fossero stati diversi, forse avrebbe pianto, forse si sarebbe disperato, forse si sarebbe preso a pugni sul petto e sul capo, ma, stando così le cose, col mondo che in pratica è stato inaugurato solo adesso, ci mancano ancora un mucchio di parole per iniziare a tentare di dire chi siamo e non sempre troveremo quelle che meglio lo spieghino, si accontentò di ripetere quelle che aveva pronunciato finché cessarono di avere un significato e altro non furono che suoni sconnessi, dei balbettii senza senso.

Caino, libro del 2009, è l'ultimo romanzo pubblicato prima della morte del Premio Nobel per la Letteratura, José Saramago.

Feltrinelli ha reso disponibile questo libro nella promozione "2 libri a 9.90€" dove, scegliendo tra i titoli selezionati, era possibile acquistare ben due romanzi a meno di dieci euro. Sapendo di andare sul sicuro con Saramago ho, immediatamente, partecipato all'offerta e, adesso che ho letto il libro, sono ancora più certa di aver fatto un affarone.

Sia nell'edizione in promozione che in quella ufficiale dell'Universale Economica Feltrinelli, la cura è evidente. Non sono presenti refusi, il carattere ha una buona grandezza e la copertina rispecchia il contenuto del libro.

L'argomento trattato, che qui non verrà considerato come faccio solitamente come trama e svolgimento, è facilmente evincibile dal titolo: Caino. Il romanzo, infatti, si apre con la creazione di Adamo ed Eva e la loro storia, per poi arrivare subito al vero e proprio protagonista della vicenda. Saramago, in questo volume, rivisita in modo personale l'Antico Testamento, raccontandocelo con gli occhi di Caino che, in questo libro, non è altro che un uomo comune che, con la complicità di Dio, rappresentato come un essere crudele e molto umano, ha commesso un grave delitto: uccidere suo fratello Abele.
La decisione è, senza dubbio, coraggiosa, sebbene presa da un autore di fama mondiale. Già nel 1991 l'autore aveva scritto e pubblicato Il Vangelo secondo Gesù Cristo (QUI su Amazon), libro che ha suscitato scandalo nel clero cattolico portoghese e italiano.

C'è chi afferma che fu proprio nella sua testa che nacque l'idea di creare una religione, ma di questi argomenti delicati ci siamo già occupati altrove nel passato, con una leggerezza recriminabile nell'opinione di alcuni esperti, e in termini che molto probabilmente verranno solo a pregiudicarci nelle argomentazioni del giudizio finale quando, vuoi per eccesso vuoi per difetto, tutte le anime saranno condannate.

Lo stile di Saramago appartiene esclusivamente a lui. I nomi vengono tutti scritti con la minuscola, non importa se si parla di Dio o di Caino. Le frasi sono lunghe e intervallate da virgole che, solitamente, vengono utilizzate per segnalare i discorsi diretti che vengono indicati solamente da queste e dalla lettera maiuscola che precede ogni nuova frase.
L'autore è presenta per tutta la lettura e si fa riconoscere costantemente; ci dà spiegazioni, si intromette con valutazioni personali, motiva alcune scelte.

Che i due non pronunciarono quelle parole, è più che ovvio, ma i dubbi, i sospetti, le perplessità, gli avanti e indietro della discussione ci furono tutti. Quello che abbiamo fatto noi è stato semplicemente trasporre nel portoghese corrente il duplice e per noi irresolubile mistero del linguaggio e del pensiero di quel tempo.

Il tutto è fatto con enorme ironia. Saramago non si ferma davanti a nulla; così come stravolge le regole stilistiche, stravolge anche quelle della morale e del "non si dice". Non esistono argomenti tabù e, anzi, conscio delle critiche che subirà, non si fa remore nemmeno ad inserire nel testo affermazioni, dette dallo stesso narratore e quindi nemmeno intermediate da alcun personaggio che, per i credenti, potrebbero essere considerate blasfeme.
Capita spesso che vengano anche sottolineate alcune incongruenze della storia originale, a cui lo scrittore risponde con fantasiose (e divertenti) affermazioni.

Mozione d'ordine. Prima di proseguire con questa istruttiva e categorica storia di caino cui, con arditezza mai vita prima, abbiamo messo mano, è forse consigliabile, perché il lettore non si ritrovi confuso per la seconda volta con pesi e misure anacronistici, introdurre qualche criterio nella cronologia degli avvenimenti. Così faremo, dunque, iniziando col chiarire qualche malizioso dubbio sollevato se adamo fosse ancora idoneo a fare un figlio all'età di centotrent'anni.

Una rivisitazione della Bibbia, dunque, nella sua parte più cupa e grave, inoltre. È facile aspettarsi qualcosa di lento e similare. E, invece, Saramago ci affascina e ci trascina fino alla fine della storia senza farci mai annoiare. Il ritmo di lettura è talmente veloce che, tempo permettendo, sarà possibile terminarla anche in un'unica volta.

In conclusione, l'idea, il modo in cui è scritto, e l'ironia, per me rappresentano esattamente il genio di Saramago. Mentre in romanzi come Cecità riesce a farci entrare nella mente di un cieco e a farci percepire la gravità della situazione (seppur senza perdere mai la sua ironia), in questo volume riesce a scherzare e a rendere divertente un tema apparentemente intoccabile.
Per chi, come me e come molti altri, non conosce il contenuto dell'Antico Testamento, se non per sommi capi, questo può essere anche un modo (seppure non verrebbe probabilmente mai leggitimato) di conoscere il contenuto del libro più famoso e venduto di sempre, nonché base della religione prevalente in Italia.

Sono sicura che questo libro potrà offendere qualcuno, perché il tema trattato potrà colpire, forse anche giustamente, un nervo scoperto. Ritengo, però, che dal punto di vista letterario questo libro non sia solo meritevole, ma anche l'esemplificazione di cosa significa Letteratura. Saramago è un Premio Nobel per la Letteratura, e qui, come in altre opere, lo dimostra esplicitamente.
Per questo motivo, pur consapevole delle avversità, mi sento di consigliarlo a tutti. 

CITAZIONI

Il signore si ritenne soddisfatto, si congedò con un paterno Arrivederci, e riprese la sua vita. Allora, per la prima volta, adamo disse ad eva, Andiamo a letto.

I serpenti non parlano, al massimo sibilano, disse il signore, Quello del mio sogno parlava, E che altro ha detto, si può sapere, domandò il signore, sforzandosi di imprimere alle parole un tono di scherno nient'affatto in accordo con la dignità celestiale dell'abbigliamento.

Detto ciò, il signore fece apparire un bel po' di pelli di animale per coprire le nudità di adamo ed eva, che si strizzarono l'occhio in segno di complicità, ché loro, di essere nudi, lo sapevano sin dal primo giorno, e ne avevano tratto buon profitto.

Era come se dentro di lei dimorasse un'altra donna, nient'affatto dipendente dal signore o da uno sposo da lui designato, una femmina che aveva deciso, infine, di fare pieno uso della lingua e del linguaggio che il suddetto signore, per così dire, le aveva messo in bocca.

Diarrea, che cos'è, domandò il cherubino, Si può chiamare anche cagotto, il vocabolario che il signore ci ha insegnato funziona per tutto, avere la diarrea, o il cagotto, se questa parola ti piace di più, significa che non riesci a trattenere la merda che hai dentro di te.

Successe allora qualcosa fino a oggi senza spiegazione. Il fumo della carne offerta da abele salì in linea retta fino a sparire nello spazio infinito, segno che il signore accettava il sacrificio e se ne compiaceva, mentre il fumo dei vegetali di caino, coltivati con un amore quanto meno uguale, non andò lontano, disperdendosi immediatamente lì, a poca altezza dal suolo, il che significa che il signore lo rifiutava senza alcun riguardo.

Andarono insieme in un una sorta di chiosco che c'era su un lato della piazza e dove si vendeva roba da mangiare. Per non sovraccaricare il racconto con particolari storici dispensabili tralasceremo di esaminare il modesto menu, di cui del resto non sapremmo identificare, almeno in alcuni casi, gli ingredienti.

Si vede che non conosci le donne, sono capaci di tutto, del meglio e del peggio se così aggrada loro.

Dunque, o satana può molto di più di quanto pensassimo, o siamo davanti a una situazione di complicità tacita, quanto meno tacita, tra il lato maligno e il lato benigno del mondo.

SINOSSI UFFICIALE

A vent'anni dal "Vangelo secondo Gesù Cristo", José Saramago torna a occuparsi di religione. Se in passato il premio Nobel portoghese ci aveva dato la sua versione del Nuovo Testamento, ora si cimenta con l'Antico. E sceglie il personaggio più negativo, la personificazione biblica del male, colui che uccide suo fratello: Caino. Capovolgendo la prospettiva tradizionale, Saramago ne fa un essere umano né migliore né peggiore degli altri. Il dio che viene fuori dalla narrazione è un dio malvagio, ingiusto e invidioso, che non sa veramente quello che vuole e soprattutto non ama gli uomini. È un dio che rifiuta, apparentemente solo per capriccio e indifferenza l'offerta di Caino, provocando così l'assassinio di Abele. Il destino di Caino è quello di un picaro che viaggia a cavallo di una mula attraverso lo spazio e il tempo, in una landa desolata agli albori dell'umanità. Ora da protagonista, ora da semplice spettatore, questo avventuriero un po' mascalzone attraversa tutti gli episodi più significativi della narrazione biblica: la cacciata dall'Eden, le avventure con l'insaziabile Lilith, il sacrificio di Isacco, la costruzione della Torre di Babele, la distruzione di Sodoma, l'episodio del vitello d'oro, le prove inflitte a Giobbe, e infine la vicenda dell'arca di Noè. Riscrittura ironica e personale della Bibbia, invenzione letteraria di uno scrittore nel pieno della maturità, compone un'allegoria che mette in scena l'assurdo di un dio che appare più crudele del peggiore degli uomini.

POTREBBE PIACERTI ANCHE ...
7 La macchia umana Il figlio Underworld Faber Timbuctù Vincoli, alle origini di Holt Un altro tamburo
COMMENTI

Commenta per primo.

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

Qualcosa è andato storto :( Riprova!

Iscrizione completata.

Pensi che stia facendo un buon lavoro? Ecco a te la possibilità di dimostrarmelo!

© 2019 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.