Kitchen

Di Banana Yoshimoto
Voto: 7
Prima edizione: 1988
Numero di pagine: 149
Editore: Feltrinelli
Consigliato:

Tags: Giapponese, Contemporaneo, Narrativa, Autoconclusivo, Romanzo
Amazon

Trama in breve

Mikage, rimasta sola, viene ospitata da Yūichi e sua madre. La giovane ragazza deve affrontare la consapevolezza che anche la sua ultima parente che le era rimasta, la nonna, l'ha ormai lasciata per sempre e che la sua vita non sarà mai più quella di prima.

Siamo rimaste solo io e la cucina. Mi sembra un po' meglio che pensare che sono rimasta proprio sola.

Incipit

Non c'è posto al mondo che io ami più della cucina.
Non importa dove si trova, com'è fatta: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, io sto bene. Se possibile le preferisco funzionali e vissute. Magari con tantissimi strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano.
Anche le cucine incredibilmente sporche mi piacciono da morire.

Recensione

Mi chiamo Mikage Sakurai. I miei genitori sono morti tutti e due giovani. Perciò sono stata allevata dai nonni. Il nonno è morto quando ho cominciato le medie. Da allora io e la nonna abbiamo vissuto da sole.

Kitchen è il primo libro pubblicato di Banana Yoshimoto e anche il suo primo libro che leggo. Io l'ho comprato con l'offerta Feltrinelli, 2 libri a 9.90€, e nella mia edizione è presente a fine volume anche il racconto Moonlight Shadow. Qui vi parlerò di entrambi i testi.

Kitchen si divide in due parti: Kitchen e Plenilunio (Kitchen 2). Tra ciò che accade nella prima parte e ciò che succede nella seconda passano alcuni mesi ma la situazione è cambiata di molto sia per la protagonista, Mikage, sia per quello che potremmo considerare il coprotagonista, Yūichi.

Il libro si apre con Mikage che ci parla del suo più grande amore: la cucina, intesa sia come luogo fisico che come azione. Scopriremo presto che questa stanza è il suo rifugio che, fino a quel momento, l'ha protetta dalla dolorosa realtà: è rimasta sola, anche la sua ultima parente in vita, la nonna, l'ha lasciata poco tempo prima. Questa situazione, appena scoperta dal lettore, cambia immediatamente grazie al coprotagonista, un ragazzo che Mikage non conosce bene ma che sembra capire il dolore della giovane e desidera, insieme alla madre, aiutarla a superarlo.

Il tema principale di Kitchen è, dunque, la morte o, per meglio dire, la consapevolezza della solitudine, di dover andare avanti nonostante aver perso le persone più care della propria vita. Un argomento che, come è ovvio, è piuttosto lugubre, triste e cupo. La scrittura di Banana Yoshimoto però, è volutamente e consapevolmente molto leggera e aiuta a leggere frasi molto importanti e profonde con facilità. 
Questo aspetto è ciò che può fare la differenza nell'apprezzamento del volume perché ci sarà chi riuscirà ad affrontare in questo modo una lettura che non avrebbe mai voluto fare se scritta in modo diverso, ma potrà destabilizzare chi, invece, letture di questo tipo le fa e apprezza che le parole, importantissime, vengano accompagnate da un'atmosfera similare e che vengano pesate maggiormente.
Personalmente in questo particolare ambito ho apprezzato la leggerezza dello stile dell'autrice, anche se mi sono accorta che, in questo modo, un argomento che solitamente mi tocca moltissimo, mi ha suscitato un'indifferenza che non mi sarei mai aspettata. Ho sottolineato numerosissime frasi, mi sono piaciute, eppure già pochissimi giorni dopo averlo finito devo ammettere di ricordarle poco e di non sentire niente al riguardo.

Questa stessa leggerezza viene utilizzata anche nei collegamenti della trama, ci sono dunque anche temi molto delicati che vengono raccontati come se fossero faceti e semplici. Si capisce chiaramente che questo effetto è voluto, ma senza leggere la postfazione di Giorgio Amitrano collocata in fondo al volume, non avrei mai potuto indovinare il perché fosse stato scelto. Lo stile dell'autrice si rifà molto allo shōjo manga, in cui non è la logica a comandare ciò che succede ma i sentimenti. Può capitare, dunque, che una scelta di vita che, generalmente, viene associata ad un percorso fisico e psicologico pesante, venga spiegata con "ha pensato di farlo" e che determinati accadimenti capitino semplicemente perché la protagonista lo desidera. Per una persona razionale e schematica come me c'è stata una grandissima difficoltà nell'apprezzare questa scelta e questo è il motivo principale per cui non sono stata entusiasta del libro.

Potevo credergli o c'era sotto qualcosa? Più ascoltavo, più quella storia mi sembrava incredibile.

Sempre grazie a quella che io chiamo "leggerezza" di stile e trama il ritmo di lettura è velocissimo. Che il libro vi piaccia o meno non troverete vere difficoltà nel leggerlo. 

L'ambientazione è principalmente legata al meteo: anche questo spesso associato allo stato d'animo dei protagonisti.

Mentre ci davamo appuntamento guardai dalla finestra. L'aria era color grigio piombo.
Le nuvole venivano trascinate via dal vento con una forza incredibile. In questo mondo non c'è posto per le cose tristi. Nessun posto.

Questi ultimi sono i due maggiormente caratterizzati. La loro mentalità viene approfondita e ripetuta, così come quella degli altri personaggi importanti presenti nella vicenda e ci è chiaro sia ciò che pensano che ciò che provano, nonostante la storia sia raccontata dal punto di vista di Mikage.

Moonlight Shadow, invece, è il testo di laurea dell'autrice. Anche qui il tema è la morte e la conseguente sopravvivenza e necessità di accettazione di coloro che sopravvivono. In questo caso ho avvertito un Kitchen in embrione, dove tutti gli elementi raccontati in precedenza esistono ma sono meno calcati. L'effetto finale su di me è stato che ho sentito molto di più l'atmosfera, sebbene la trama fosse molto più lontana dal mio vissuto personale e non generasse in me alcun ricordo particolare, dimostrandomi quanto la leggerezza del primo testo avesse influenzato la mia lettura.

In conclusione, Kitchen è un volume che si legge volentieri ma che a me ha lasciato poco. Io non sono sicuramente adatta a testi così poco logici e legati all'istinto, ma nonostante questo l'ho apprezzato. Si tratta anche del primo libro dell'autrice, perciò non so se il percorso dai lei fatto in questa direzione sia ascendente (sempre più sentimenti e meno razionalità) o discendente, anche se l'arricchimento di questo aspetto rispetto alla tesi di laurea mi fa pensare maggiormente alla prima ipotesi.

Questi sono i motivi per cui lo consiglio: potrà al massimo non piacervi quanto la sua fama potrà farvi sperare, ma difficilmente potrete pentirvi di averlo iniziato. Leggendolo capirete se questo tipo di scrittura vi può piacere o meno. Se avete letto altre dell'autrice e avete riscontrato e apprezzato alcuni degli aspetti di cui vi ho parlato oggi, allora Kitchen fa per voi!

Citazioni

Volevo solo dormire alla luce delle stelle.

Volevo svegliarmi nella luce del mattino.
A parte questo, tutto il resto mi era completamente indifferente.

Din-don. All'improvviso suonò il campanello.

Sorrise di nuovo. C'era nel suo sorriso una tale freschezza che non riuscivo a staccare lo sguardo da lui. I suoi occhi mi sembravano vicinissimi mentre stava lì, in quell'ingresso che mi era così familiare.

Lo so, poteva essere l'insidia di un diavolo. Ma lui era così cool. Sentii che potevo fidarmi. Nell'oscurità che mi circondava apparve una strada, come sempre accade quando un diavolo ti tenta. Ma era bianca, luminosa, e sembrava sicura, perciò risposi di sì.

Pioveva. Seguendo la mappa camminavo nell'umida sera di primavera sotto la pioggia tiepida e leggera che avvolgeva le strade.

Intanto, se vuoi, guardati un po' in giro. Ti faccio strada io? Tu da che stanza giudichi?

Era una buona cucina. Me ne ero innamorata a prima vista.

Non avevo al mondo nessuno del mio sangue, potevo andare in qualunque posto, fare qualunque cosa. Provai una sorta di vertigine.
Stavo toccando con mano e vedendo con i miei occhi, per la prima volta, quanto fosse immenso il mondo e profonda l'oscurità e l'infinito fascino e solitudine di tutto ciò.

A osservarla con molta attenzione ci si accorgeva che aveva anche alcuni aspetti 'umani', per esempio qualche ruga dovuta all'età, o i denti non perfettamente allineati. Ma nell'insieme era favolosa. Faceva venir voglia di vederla ancora. Aveva lasciato dentro di me una scia di splendore caldo e luminoso. Ecco cos'è il fascino!

"Lei vive solo di impulsi irresistibili. La cosa incredibile è che ha la forza di realizzarli."

Una persona accanto può far sentire più soli. Ma una persona che dorme sotto lo stesso tetto, e in più la cucina, le piante, la tranquillità... era il massimo.

È duro non avere un posto in cui rifugiarsi quando si ha una ferita.

Anche quando ero pazzamente innamorata, o allegra per aver bevuto molto, dentro di me avevo sempre la consapevolezza che tutta la mia famiglia era una sola persona.

È sempre così per me: se non raggiungo il limite estremo le cose non funzionano.

Il mondo in cui ero vissuta sino a poco tempo prima per qualche ragione mi aveva lasciato alle spalle con uno scatto irresistibile. Ero rimasta indietro stordita; non avevo saputo far altro che reagire debolmente.
Perché a fare quello scatto in avanti non ero stata io. Anzi. Per me tutto era stato terribilmente doloroso.

Pensare a come la vita di ripeta mi faceva rabbrividire. E tuttavia, la certezza meravigliosa che esisteva un momento in cui all'improvviso era di nuovo possibile respirare, mi faceva battere forte il cuore.

Sinossi ufficiale

"Non c'è posto al mondo che io ami più della cucina...". Così comincia il romanzo di Banana Yoshimoto, "Kitchen". Le cucine, nuovissime e luccicanti o vecchie e vissute, riempiono i sogni della protagonista Mikage, rimasta sola al mondo dopo la morte della nonna, e rappresentano il calore di una famiglia sempre desiderata. Ma la famiglia si può non solo scegliere, ma anche inventare. Così il padre del giovane amico Yuichi può diventare o rivelarsi madre e Mikage può eleggerli come propria famiglia, in un crescendo tragicomico di ambiguità. Con questo romanzo, e il breve racconto che lo chiude, Banana Yoshimoto si è imposta all'attenzione del pubblico italiano mostrando un'immagine insolita del Giappone , con un linguaggio fresco e originale, quasi una rielaborazione letteraria dello stile dei fumetti manga.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!


Privacy Policy

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.