TRAMA IN BREVE

Anna è, ormai da molti anni, nel paese delle ultime cose. Un luogo dove oggetti e persone spariscono ed è la sopravvivenza ad essere l'unico obiettivo dei suoi abitanti. In questa lettera la donna racconta ciò che le è successo ad una persona appartenente alla sua vita precedente, in cui i cadaveri, potevano essere sepolti.

DEDICA

A Siri Hustvedt

INCIPIT

Queste sono le ultime cose, scriveva. A una a una scompaiono e non ritornano più. Posso raccontarti di quelle che ho visto, di quelle che non esistono più, ma tempo di non averne il tempo. Tutto sta accadendo così velocemente ora, che non riesco a tenervi dietro.

RECENSIONE

Ecco come vanno le cose in città. Ogni volta che credi di conoscere la risposta a una domanda scopri che la domanda non ha senso.

Nel paese delle ultime cose di Paul Auster è un romanzo distopico e postmoderno.

La trama racconta di un luogo, non meglio specificato né nella sua posizione geografica né nella sua esatta dimensione, in cui oggetti, persone e, conseguentemente, i ricordi a loro relativi, svaniscono nel nulla. Si tratta di un paese votato alla totale sopravvivenza dei propri cittadini, in cui cadaveri ed escrementi servono a creare l'energia necessaria alla vita, in cui anche solo avere un posto in cui vivere è un lusso per pochi.

Di questo luogo ci viene raccontato sotto forma di una lettera/diario. La protagonista, Anna, comincia a scriverlo moltissimi anni dopo essere approdata in quel luogo (allo scopo di ritrovare e riportare a casa qualcuno) e destina il suo scritto a una persona appartenente alla sua vecchia vita. Questa struttura è ben rispettata da Paul Auster e rende più credibile ed immediata la consapevolezza del lettore di stare leggendo qualcosa di verosimile anche per il proprio futuro.

Ti sto scrivendo perché tu non sai nulla. Perché sei tanto lontano da me e non sai nulla.

Scopo dei romanzi distopici e postmoderni, infatti, è sempre quello di far riflettere il lettore sulle conseguenze di alcuni atteggiamenti che potrebbero portare alla distruzione e al decadimento del mondo da noi conosciuto. Tanti sono i messaggi inseriti in questo testo sia come metafora che in maniera più esplicita e altrettante le riflessioni che suscitano.

La pioggia non fa distinzioni. Prima o poi cade su tutti, e quando cade, tutti sono uguali. Nessuno è migliore, nessuno peggiore, tutti uguali e sempre gli stessi.

Il mondo in cui vive la protagonista è raccontato nella prima parte del testo. È descritto perfettamente sia nella sua estetica che nella mentalità delle persone. Manca totalmente, invece, qualunque delucidazione al riguardo del perché esso esista e del come si sia formato, e anche del perché sia l'unico luogo in cui ciò si verifica. Questo è coerente con la scelta strutturale: la persona a cui si rivolge la narratrice sa già dell'esistenza del luogo e non le servirebbe nessun antefatto al riguardo. L'ambientazione geografica è supportata da descrizioni, talvolta anche molto forti, che faccio anche percepire un'atmosfera di desolazione.
L'ambientazione temporale non è attenta, la protagonista non sta vivendo una vita normale, con giorni scanditi da un calendario appeso al muro e, inoltre, parla per buona parte del testo di eventi ormai molto lontani, dunque non stupisce che i riferimenti siano maggiormente relativi alle stagioni e al tempo atmosferico.

Fu l'inverno più duro di cui si abbia memoria – l'Inverno terribile, come tutti lo chiamarono, e persino ora che sono passati tanti anni, rimane ancora un evento cruciale nella storia della città, una linea divisoria tra un periodo e un altro.

Paul Auster è bravo a scrivere e lo dimostra anche in questo romanzo. Pur riuscendo a mantenere un ottimo equilibro con il necessario linguaggio colloquiale, si tratta pur sempre di una lettera di una persona che, di certo, non ha tempo né volontà di sperticarsi in arzigogoli letterari, riesce a mantenere uno stile ricco e preciso nella scelta delle parole. Conoscendo le sue capacità e, specialmente, la grande originalità della sua penna, però, ammetto che mi sarei aspettata qualcosa di ancora più folle e coerente con la questione fondamentale: la sparizione dei nomi degli oggetti anche dalla memoria.

Credimi. Lo so che talvolta divago allontanandomi dal punto in questione, ma se non trascrivo le cose così come mi accadono sento che le perderò per sempre.

I personaggi approfonditi sono quelli venuti maggiormente a contatto con Anna. Le loro personalità sono interessanti ma non costruite per spiccare e oscurare l'atmosfera cupa che avvolge la città. Nonostante questo ci sono personaggi ben distinguibili gli uni dagli altri che potranno rimanere impressi.

I finali di Paul Auster, fino ad ora, non mi hanno mai delusa. Qui troverete la giusta e credibile conclusione della storia, non sorprendente per chi ha già letto qualcosa del genere, ma la migliore possibile per mantenere la coerenza del testo.

In conclusione, Nel paese delle ultime cose di Paul Auster è un libro che racconta e dice tanto del genere umano e che utilizza un'enorme originalità nel farlo. Scritto bene, un'ottima trama e uno svolgimento interessante e credibile che si conclude con un finale altrettanto piacevole. L'unico difetto che ho trovato per questo volume è puramente soggettivo: è troppo poco. Avrei voluto sapere molto di più e conoscere più precisamente ogni evento passato, presente e futuro che è stato omesso. Ammetto anche che, probabilmente, una maggiore completezza avrebbe inficiato sulla credibilità della struttura (quando mai una superstite che si mette a scrivere una testimonianza riporta tutta la Storia completa e dettagliata?). Rimane comunque un ottimo libro, uno tra i migliori tra quelli letti dell'autore.

Lo consiglio a tutti. È una lettura che si può fare con due piani diversi perché la trama, già da sola, basta a renderlo appetibile. Se si vorrà però potrà dare tanto anche per riflessioni sull'ecologismo, sulla parola scritta e parlata, sul dare importanza a ciò che succede e non fare finta di niente, sul non dare nulla per scontato, prima che sia troppo tardi e, così, lascerà qualcosa di più.

Quando vivi in città impari a non dare nulla per scontato. Chiudi gli occhi per un attimo, ti giri a guardare qualcos'altro e la cosa che era dinnanzi a te è sparita all'improvviso. Niente dure, vedi, neppure i pensieri dentro di te. E non devi sprecare tempo a cercarli. Quando una cosa sparisce, finisce.

CITAZIONI

Quando vuoi meno, finisci di essere contento del meno, e meno ti serve meglio stai. Ecco cosa fa la città. Ti capovolge i pensieri. Ti fa venire voglia di vivere e intanto cerca di strapparti via la vita. E non c'è via d'uscita.

Mi sembra che non ne valga proprio la pena, rischiare grosso per il piacere effimero del sapore di un'arancia o del prosciutto cotto. Ma la gente è insaziabile: la fame è una sventura quotidiana e lo stomaco è un pozzo senza fondo, un buco grande quanto l'universo.

Almeno la metà della gente è senza casa e non sa assolutamente dove andare. Pertanto ogni volta che giri l'angolo trovi cadaveri sul marciapiede, sotto i portoni, sulla strada stessa. Non chiedermi di entrare nei dettagli. È già troppo per me raccontartelo, veramente troppo. Non importa quello che tu pensi, il vero problema non è mai la mancanza di pietà. Qui non c'è nulla che si spezzi tanto in fretta quanto il cuore.

La vita come la conosciamo è finita, e tuttavia nessuno è capace di capire da cosa sia stata rimpiazzata.

Capisci cosa sto cercando di dire? Per vivere devi far morire te stesso. Ecco perché tante persone si arrendono. Perché, per quanto lottino con forza, sanno di essere destinate a perdere. E a quel punto è completamente inutile tentare di lottare.

Quello che mi stupisce non è il fatto che tutto stia crollando, ma che ci sia ancora molto che continua a esistere. Ci impiega tanto tempo un mondo per svanire, più di quanto si possa pensare. 

Forse è questo il punto più interessante di tutti: vedere quello che accade quando non rimane più nulla e scoprire se, anche così, sopravviveremo.

Potresti finire nei guai se diffondi questo genere di assurdità. Al governo non piace la gente che inventa storia. Fa male alla morale.

C'è una legge sulla vita in città che dice che non si deve mai bussare a una porta a meno che non si sappia cosa c'è dall'altra parte.

SINOSSI UFFICIALE

Immaginate un posto dove le persone (la nonna, il droghiere, il vicino di casa) e gli oggetti (le auto, lo spazzolino, la caffettiera, la gomma da cancellare) sono a rischio di estinzione. Una mattina ti alzi e non c'è più il postino o lo schiaccianoci. E non solo il tuo, ma quello di tutti. Qualsiasi rimasuglio diventa allora l'oggetto più prezioso del mondo, soprattutto per i "cacciatori di oggetti", persone in grado di uccidere per accaparrarsi, che so, un mozzicone di matita. 

POTREBBE PIACERTI ANCHE ...
Il figlio 7 Underworld La macchia umana Un altro tamburo Vincoli, alle origini di Holt Timbuctù Faber
COMMENTI

Commenta per primo.

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

Qualcosa è andato storto :( Riprova!

Iscrizione completata.

Pensi che stia facendo un buon lavoro? Ecco a te la possibilità di dimostrarmelo!

© 2019 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.