TRAMA IN BREVE

Augusto e Pietro, migliori amici, stanno per vivere l'estate più strana della loro vita. All'insegna di piccole e grandi battaglie, partenze, rinunce e grandi progetti, i due ragazzini, insieme ad amici e nemici, ci accompagnano scena dopo scena, fino alla fine dell'estate.

DEDICA

A R. e P. Rossignoli

INCIPIT

Poi le cose inizieranno ad allontanarsi.
Saremo distratti e non le vedremo sparire.
Terremo stretto solo quello che conta, così stretto che saremo stanchi, un pezzo alla volta lo lasceremo andare.
Avremo le mani vuote e staremo più spesso seduti, più spesso in silenzio.

RECENSIONE

Magari, pensava, d'ora in poi sarebbe andata così, che ogni giorno bisognava dire addio a qualche cosa.

La fine dell'estate è il romanzo d'esordio dell'autrice Serena Patrignanelli ed è uscito il 4 Aprile 2019 per NN Editore.

Iniziamo con il parlare di ciò che sorprende maggiormente di questo volume: lo stile.
L'autrice, infatti, dimostra una evidente consapevolezza linguistica che le permette di raccontare la propria storia dando due sensazioni apparentemente differenti ma che, qui, vengono coniugate alla perfezione e che rendono questo libro unico nel suo genere. Da una parte, infatti, notiamo che nel testo esclusivamente punti di vista di bambini, che per quanto complessi e maturi, non posso necessariamente pensare e vedere il mondo come degli adulti e riconosciamo come l'autrice sia riuscita egregiamente ad entrare nei loro panni, senza forzature e a raccontarci la loro particolare ingenuità, senza che questa stonasse mai con la narrazione. Dall'altra parte è evidente, però, che il lessico utilizzato, la scelta delle parole e anche la costruzione delle frasi, vanno ben oltre questo e sono frutto di capacità e cura. Sebbene i pensieri dei protagonisti vengano raccontati da un narratore esterno ed adulto, abbiamo sempre l'impressione di non stare passando da nessun filtro e di leggere direttamente dai loro cuori e dalle loro menti. L'autrice è sempre presente e gestisce tutto con una (apparente immagino) semplicità tale da non farci sentire la propria presenza.

Il fatto è che le serviva tempo, per sentire.

Il ritmo della narrazione è volutamente dosato; in questo volume seguiamo per un'estate intera il gruppo di bambini e ragazzi e abbiamo l'impressione di passare insieme a loro tutto quel tempo; mese dopo mese. Allo stesso tempo, la voglia di andare avanti e di seguirli nel loro viaggio è tanta e, perciò, non poseremmo mai il volume.

L'ambientazione temporale è la chiave di lettura del romanzo e scandisce l'andamento della storia, il ritmo per questo motivo le si adegua, seguendo ciò che accade senza volerlo mai alterare agli occhi del lettore. 
L'estate, come si può dedurre anche dal titolo e sin dalle prime pagine del romanzo, è l'elemento più importante del messaggio, nonché la metafora che aiuta a comprendere il significato del libro. L'estate è, per tutti i ragazzi, la stagione dove non c'è scuola, dove c'è maggiore libertà, dove i rapporti interpersonali all'interno del gruppo si rinnovano e ridefiniscono. Settembre, invece, la fine dell'estate, simboleggia l'inizio della responsabilità, la realtà e la verità che ritorna e che ci costringe a fare mente locale di ciò che si deve fare e della situazione in cui ci troviamo.

L'estate era fatta di cicale, di erba bruciata e della pelle che si screpolava sugli zigomi, oltre che di un lungo elenco di motivi per essere felici.

L'autrice non ci dice in quale località siamo e in quale tempo, ma ci dà le informazioni necessarie per riuscire a vedere tutto ciò che ci racconta e per farci sentire parte del luogo. L'ambientazione è il Quartiere, abitato da poche persone e situato nel centro d'Italia (Rimini viene presa come punto di riferimento del "Nord", lascio a voi scoprire il, divertente, perché), probabilmente vicino a Roma. Nel Quartiere gli uomini giovani stanno tutti sparendo, perché vengono arruolati in una guerra che non ci viene raccontata ma che cambia completamente le vita degli abitanti. Si vive in povertà e il cibo è tra le prime preoccupazioni. 

Ecco perché quella giornata era così importante: non ce ne sarebbero state altre.
Non era solo l'ultima festa del Tranvetto, era l'ultima festa del Quartiere.

La trama ci parla di un gruppo di bambini e ragazzi che vive nel Quartiere e che si trova a vivere una situazione completamente inaspettata: la quasi completa libertà. Si tratta di un romanzo di formazione atipico, che ci porta a riflettere sul passaggio all'età adulta in modo totalmente nuovo e pieno di significato.

Sono diversi i punti di vista che ci vengono raccontati, ma i due più importanti sono quelli di Augusto, ragazzino riflessivo ed introspettivo e Pietro, il suo migliore amico dal carattere completamente opposto al suo. Ogni punto di vista racconta una personalità profonda, complessa, ricca di luci ma anche di ombre. L'introspezione psicologica è forte e ci fa entrare nei panni di ognuno di loro. 

Non gli piaceva quando Augusto faceva così. A questo punto della loro amicizia, che era il punto in cui tutti la riconoscevano e s'erano abituati a dire il nome dell'uno insieme al nome dell'altro, Pietro ammetteva senza problemi che Augusto era bravo a costruire le cose, più bravo di lui.
Ma era bravo pure a smontarle.

L'atmosfera è chiaramente percepibile sia per quanto riguarda i sentimenti provati dai personaggi, anch'essi complessi ma ben comprensibili e spesso condivisi anche da noi, sia l'atmosfera generale di ogni scena.

Parlo di scene perché questo libro, quasi come se fosse un film, riesce a donare un'immagine complessiva di ciò che ci viene raccontato, ma lo rende vivido attraverso scene che rappresentano un particolare momento di svolta. Alla fine della lettura vi accorgerete sia della vostra sensazione generale sia di quella suscitata da ognuna delle sue fasi: rivedrete i personaggi nel momento in cui stavano vivendo un determinato momento e, come se si trattasse di vostri ricordi, ricordi veri e propri, vi ritroverete a dirvi "quando l'ho vissuto non lo sapevo, ma ora lo vedo: quel giorno ha cambiato tutto". D'altro canto si ha la sensazione che alcune cose non siano dette, semplicemente perché non inerenti al punto di vista dei ragazzi e alla storia che l'autrice voleva raccontare. Talvolta, quando ho ricordato di essere adulta, ho sentito la mancanza di qualche spiegazione aggiuntiva su alcuni aspetti irrilevanti, ma questo probabilmente avrebbe potuto rovinare la magia che si avverte grazie alla semplicità e alla fluidità di ciò che si scopre "naturalmente".

Per il resto rimaneva solo la percezione più ampia che quello era stato un inizio, e un inizio non ha valore in sé, non è una cosa statica da preservare, è un'indicazione verso il futuro, nel loro caso verso il presente che stavano vivendo. 
Era giugno, faceva caldo. Era iniziata l'estate.

In conclusione, La fine dell'estate è un libro che non si dimentica. La sensazione durante la lettura è quella di stare vivendo un pezzo di vita in compagnia di quelle persone e di provare con loro ogni emozione, dalle più piacevoli alle più devastanti. È un romanzo che parla di eventi tristissimi, su cui l'autrice avrebbe potuto tranquillamente giocare per sconvolgere il lettore ma che non l'ha fatto e ha deciso di darci una scelta. Come una di quelle madri che riesce a vedere crescere il proprio figlio senza volerlo proteggere a tutti i costi dalla dura verità, Serena Patrignanelli decide di mostrarci la realtà, dandoci la possibilità di comprenderla e sentirla nel modo in cui vogliamo, senza interferire, ma rimanendo accanto a noi tutto il tempo. Il risultato è una storia che spezza il cuore, ma dolcemente, senza mai farci pentire di avere aperto il libro. È una storia che insegna tanto, che fa riflettere e che ci fa tornare bambini ancora una volta. Io mi sono identificata in Augusto in modo doloroso, e questo è di per sé un piccolo miracolo, perché non mi capita mai.

Lo consiglio perché è un libro bello, curato e sentito. Non si potrebbe mai indovinare che si tratta di un romanzo d'esordio.

CITAZIONI

Se avesse dovuto scegliere un singolo momento, Augusto avrebbe detto che era cominciata il giorno in cui avevano chiuso le fogne.

Non ne avrebbe parlato ad alta voce, non era il genere di discorsi che i ragazzini del Quartiere facevano tra loro, erano discorsi da femmine, da madri o da vecchi, avevano a che fare con i ricordi e con quello che si perde, Augusto aveva un passato ancora breve in cui quasi niente era andato perduto. Questo, adesso, andava perduto.

Le regole che valevano in superficie laggiù erano sospese, sparivano i litigi e le antipatie, perché bisognava stare uniti, la paura richiedeva molta sincerità.

I traslochi erano finiti quando i padri avevano cominciato ad andarsene da soli, richiamati alle armi. I figli di quelli che partivano godevano di un nuovo tipo di rispetto, erano lasciati fuori dalle sassaiole e dagli altri giochi in cui bisognava mettersi le mani addosso.

Poteva piovere, poteva arrivare settembre, nessuno sarebbe venuto a richiamarli all'ordine: l'estate, in un certo senso, non sarebbe finita mai.

Argomentò a lungo il suo punto di vista, vedeva che Pietro non lo ascoltava e si stava infastidendo ma non riusciva a fermarsi. Quando una questione gli stava a cuore voleva guardarla da ogni lato. Lo chiamava "parlare fino in fondo".

Ma questa era una cosa che non era mai successa, perché non lo sapeva nessuno. Non si trattava proprio di un segreto: per i segreti ci vogliono due persone che si mettono d'accordo e giurano di non raccontarlo mai. Questo fatto del telegramma era diverso. Questo fatto lo sapeva Semiramide, e Semiramide sola. 
Bastava che se ne dimenticasse lei, perché smettesse di essere vero.

Era normale, dopotutto, così fanno le coppie, per quanto poteva immaginare.
Si raccontano le cose che sanno. Ma le custodiscono in un posto che appartiene solo a loro, e non dicono niente a nessuno.

Era diventato bravo, Augusto, a trovare questo genere di giustificazioni, bravo al punto che non sapeva più dire quando era sincero e quando mentiva.

Perché era così indispensabile, per gli altri, legarsi stretti, perché pretendevano che i rapporti fossero esclusivi, perché volevano dare senza limitazioni quello che avevano dentro?

SINOSSI UFFICIALE

Solo i ragazzini sanno davvero cos'è la fine dell'estate. Lo sanno bene anche i ragazzini del Quartiere, che ai primi di giugno ronzano per le strade in cerca di nuove avventure. Ma Augusto e Pietro una nuova avventura segreta l'hanno già in mente: costruire un motore a gasogeno da montare su una macchina. Perché là fuori, intanto, infuriano i bombardamenti, gli uomini sono chiamati alle armi e a poco a poco le case si svuotano e la benzina inizia a mancare, così come il cibo e gli altri beni di prima necessità. Ma quando una macchina compare, a reclamarla c'è Sorchelettrica, una delle prostitute che abitano nelle baracche, e Pietro e Augusto non possono toccarla a meno di non portare alla luce la verità su quel cadavere bianco come un lampo che è stato ritrovato alla marrana. Accanto ai due amici ci sono Semiramide e Clementina, appena arrivate nel Quartiere con la madre, e Michele e Virginia, che si attraggono e respingono a vicenda. "La fine dell'estate" è un romanzo che costruisce un universo a misura di ragazzino, fatto di avventure simili a sogni ad occhi aperti ma precoci e reali come un viaggio nel tempo.

POTREBBE PIACERTI ANCHE ...
7 Non devi dirmi che mi ami Abbiamo sempre vissuto nel castello Il seggio vacante Non hai mai capito niente Prospettiva asfalto Bestie da soma Bull Mountain
COMMENTI

Commenta per primo.

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!

Qualcosa è andato storto :( Riprova!

Iscrizione completata.

© 2018 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.