Mansfield Park

Di Jane Austen
Voto: 7
Prima edizione: 1814
Numero di pagine: 383
Editore: Newton Compton
Consigliato: Ni

Tags: Classico, Romanzo, Inglese, Narrativa, Stand-alone
Amazon

Trama in breve

La giovane Fanny viene adottata dai Bertram, abbiente famiglia che abita a Mansfield Park che la sceglie grazie ad una parentela: Lady Bertram è, infatti, la sorella della madre della ragazza che, sposatasi per amore, vive insieme ai suoi figlio in una condizione di povertà.
Da qui, comincia la sua vera vita, segnata da un trattamento diverso rispetto a quello delle "sorellastre" e votata all'umiltà e alla sottomissione.

Incipit

Circa trent'anni fa, Miss Maria Ward di Huntingdon, con sole settemila sterline di dote, ebbe la fortuna di conquistare Sir Thomas Bertram, si Mansifield Park, nella contea di Northampton e di essere, in questo modo, elevata al ragno di Lady, moglie di un baronetto, con tutti gli agi e le conseguenze derivanti da una casa sontuosa e da una rendita considerevole.

Recensione

«I bisticci familiari sono i peggiori dei mali, ed è meglio che facciamo il possibile pur di non litigare del tutto».

Umiltà e sottomissione.
Mansfield Park è il terzo romanzo di Jane Austen e segue quelli che sono i suoi due lavori più celebri: Ragione e sentimento e Orgoglio e pregiudizio, due volumi dai titoli importanti e simili nella struttura che aiutano il lettore a carpire la chiave di lettura dei romanzi. Questo è il motivo per cui, nel mio piccolo, se avessi potuto proporre un titolo alternativo alla narratrice inglese, le avrei chiesto di chiamarlo così, umiltà e sottomissione.

Il messaggio di questo libro, infatti, è decisamente più criptico da rilevare rispetto a quello dei volumi precedenti e, credo, che un piccolo aiuto ulteriore nel titolo avrebbe dato maggiore enfasi a quest'opera, oltre che ad una incredibile simmetria dei nomi che è stata, da questo volume in poi, totalmente abbandonata. 
È difficile dirvi il messaggio che l'autrice voleva mandare senza anticipare il finale del romanzo e, dunque, mi trovo costretta a soprassedere e a lasciarvi "umiltà e sottomissione" come unico indizio.
Io ammetto di essere riuscita ad analizzarlo maggiormente grazie, in primis al MegaGDL con cui l'ho letto (leggere tantissime opinioni differenti aiuta anche a capire meglio cosa se ne pensa personalmente) e, infine, grazie all'introduzione della mia edizione (la stessa del link amazon e della foto) a cura di Ornella De Zordo.

Mansfield Park è spesso additato, tra i maggiori fan dell'autrice, come la sua opera peggiore. Credo che questo sia dovuto principalmente ad un unico elemento: la personalità della protagonista.

Se, infatti, la stragrande maggioranza delle persone associa automaticamente il nome Jane Austen alla spiccata personalità di Elizabeth Bennet, davanti a quest'opera il lettore scoprirà qualcosa di sconvolgente: Fanny, la giovane protagonista, è remissiva, timida, ansiosa di piacere a tutti e di fare bene.
La personalità di Fanny non solo sgomenterà per il paragone con le opere precedenti ma anche perché quesa determinerà un simpatia molto labile (se non inesistente) verso questo personaggio principale.
La mancata empatia porterà necessariamente ad un avvertimento più attutito dell'atmosfera e dell'angoscia verso ciò che succederà (rendendoci inconsapevolmente dei "buoni lettori" secondo i canoni Nabokoviani), oltre che ad un rallentamento del ritmo di lettura, già molto variabile di suo.

Jane Austen, si sa, è una delle scrittrici classiche più amate e piace ad una varietà molto ampia di lettori differenti, dai cosiddetti lettori forti a coloro che leggono pochissimi libri all'anno o che, in generale, non leggerebbero mai altri libri classici. Questo è dovuto al suo stile quasi sbarazzino, moderno e divertente. È sicuramente la sua enorme ironia ad essere il perno principale della piacevolezza della sua prosa. In Mansfield Park questo aspetto non manca, ma viene ben celato, non permettendo a tutti di rilevarlo. Dietro le parole della protagonista, votata all'umiltà, alla remissione e, ammettiamolo, anche ai lamenti tra sé e sé, rischiamo di perdere tutto ciò che d'ironico ci viene raccontato. Al contrario di altre opere dell'autrice qui fatichiamo a trovare il buono, il personaggio con cui deridere, tutti insieme, la società vittoriana. Perché la verità è che, questa volta, tutti i personaggi di Mansfield Park, anche la protagonista, sono allo stesso livello prodotti della loro società. Tutti loro sono diversi e hanno difetti anche opposti l'uno dall'altro, ma le loro differenze vengono più associate alla loro educazione (conseguente allo stato sociale) che ad una propria personalità.
Da qui la povera remissiva, le ricche aristocratiche superbe e vanesie, la giovane borghese schietta e inelegante nelle affermazioni. Questi stereotipi sono voluti, così come la temporaneamente "bassezza" dei contenuti di alcuni dialoghi o affermazioni (specialmente sul genere femminile). Jane Austen gioca talmente bene da poter apparire quasi lei stessa convinta di ciò che fa asserire ai suoi personaggi.

L'ambientazione temporale è chiara perché, saltuariamente l'autrice ci fa sapere, attraverso i dialoghi, quanto tempo è passato dall'inizio della storia o da una particolare data.
L'ambientazione spaziale è presente e corredata da descrizioni ma non così fondamentale od estesa come il titolo potrebbe far intuire.

In conclusione, dal punto di vista personale, ho trovato Mansfield Park un'opera piacevole ma che non trovo imprescindibile come altri grandi classici della letteratura.

Lo consiglio solo a chi vuole leggere tutto dell'autrice o vuole farsene un'idea più completa, sconsiglio di leggerlo come primo volume e senza analizzarne la finalità. Di Jane Austen, al momento, ho apprezzato particolarmente il racconto Lady Susan.

Citazioni

Ma il suo amore per il denaro era pari al suo amore per il comando, e sapeva risparmiare altrettanto bene il proprio denaro quanto spendere quello altrui.

Quello che provava era un dolore profondo, ma non era troppo capito da chi la circondava per poter essere preso in considerazione in maniera appropriata. Nessuno intendeva essere sgarbato, ma neppure si sforzava granché di consolarla.

«C'è una grande differenza tra la memoria delle persone, così come tra ogni altra cosa, e perciò dovete essere indulgenti con vostra cugina e compatire la sua limitatezza».

«Non c'è ragione al mondo per cui tu non sia importante per chi ti conosce. Hai buon senso, un carattere dolce, e sono sicuro che hai un cuore riconoscente, che non è capace di ricevere delle gentilezze senza desiderare di ricambiarle. Non conosco requisiti migliori per un'amica e una compagna».

«Vorrei che tutti si sposassero, purché possano farlo bene. Non amo vedere gente sprecata; tutti devono sposarsi non appena possono farlo vantaggiosamente».

«Una donna fidanzata è sempre più piacevole di una libera. Perché è soddisfatta di sé. Le sue preoccupazioni sono altrove, e sente di poter esercitare tutto il suo fascino senza destare sospetti».

«Non c'è nulla che mi affatichi, se non fare quello che non mi piace».

«Io esprimo quella che mi sembra essere un'opinione generale; e laddove un'opinione è generale, essa è generalmente corretta».

Fanny osservava e ascoltava, e non mancava di divertirsi ad osservare l'egoismo che, più o meno mascherato, sembrava guidarli tutti, e si chiedeva come sarebbe andata a finire.

Ella era fuori tiro; e se alla fine fosse stata costretta a cedere... che importava? Ormai tutto era miseria.

Sapeva che l'avrebbero attesa solo irritazione ed esasperazione, e sapeva che era suo dovere starsene in disparte. Aveva la punizione che si meritava.

Egli voleva che il giovane fosse un modello di costanza e immaginava che il modo migliore per ottenere ciò fosse di non metterlo troppo a lungo alla prova.

«Ti sei dimostrata retta e disinteressata, dimostrati ora grata e tenera di cuore; e allora sarai un perfetto modello di donna: perché è per questo, io l'ho sempre creduto, che sei stata creata».

Sinossi ufficiale

"Mansfield Park", uno dei romanzi più noti e discussi di Jane Austen, narra la storia di Fanny Price. Adottata, ancora bambina, dagli zii Sir Thomas e Lady Bertram, Fanny viene accolta e allevata nella loro lussuosa proprietà di Mansfield Park. Qui cresce, parente povera in un ambiente d'élite, e misura tutta la distanza fra il proprio modello educativo - fondato sul senso del dovere, l'abnegazione, la virtù - e quello, in particolare, della spregiudicata Mary Crawford. Alla fine la protagonista sposerà il cugino Edmund, figlio di Sir Thomas, e con lui si stabilirà definitivamente a Mansfield Park. Al di là dell'apparente trionfo della morale tradizionale, la narrazione contiene un'implicita e corrosiva critica della cultura dominante del primo Ottocento: Fanny - suggerisce l'autrice - realizza, infatti, l'ascesa sociale al prezzo della negazione della propria libertà e spontaneità. Introduzione di Maria Felicita Melchiorri.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!


Privacy Policy

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.