Stoner

Di John Williams
Voto: 7,5
Prima edizione: 1965
Numero di pagine: 332
Editore: Fazi
Consigliato: Ni

Tags: Statunitense
Amazon

Trama in breve

William Stoner è un uomo qualunque che vive per inerzia. Sono gli altri a prendere le decisioni per lui e al nostro protagonista questo sembra inevitabile.

Incipit

William Stoner si iscrisse all'Università del Missouri nel 1910, all'età di diciannove anni. Otto anni dopo, al culmine della prima guerra mondiale, gli fu conferito il dottorato di ricerca e ottenne un incarico presso la stessa università, dove restò a insegnare fino alla sua morte, nel 1956.

Recensione

È facile considerarsi per bene, quando non si ha alcun motivo per non esserlo. Bisogna innamorarsi, per capire un po' come si è fatti. 

Stoner di John Williams è uno dei titoli più discussi sui social, specialmente Instagram. Come capita sempre con libri di questa fama io ho iniziato a leggerlo con un'enorme aspettativa. È proprio in base ad essa che la mia lettura è stata strana e, per questo, ho deciso di raccontarvi gli elementi del libro nello stesso ordine cronologico in cui li ho incontrati e compresi. Inoltre, visto che ritengo questo volume una lettura impossibile da non interpretare soggettivamente, dopo avervelo raccontato nella sua oggettività, vi darò il mio parere personale (poco condiviso e condivisibile) che vi aiuterà a comprendere meglio i voto e i pro, indifferenti e contro che ho inserito.

L'incipit è ciò in cui mi sono imbattuta inizialmente. Come potrete notare, nelle prime righe della sua storia Williams ci racconta già tutta la vita del suo protagonista, William Stoner. Grazie ad esso possiamo comprendere sin da subito un elemento che ci verrà riconfermato più avanti: questa storia non basa, di certo, il proprio valore sui colpi di scena inaspettati, tanto che l'autore può permettersi di anticiparcela da subito senza toglierci il piacere della lettura.

Il secondo aspetto che ho analizzato è stato quello che mi porta ad amare od odiare immediatamente un libro: lo stile. Quello di John Williams è curato, lento e dettagliato. Non eccede in nessuna di questa particolarità, rendendo la lettura comunque scorrevole e facilmente leggibile, oltre che comprensibile.

La trama è stata ciò che ho individuato successivamente, sebbene fosse facilmente comprensibile sin dall'incipit. Stoner parla della vita di un uomo, portandolo dalla sua giovinezza fino alla morte. Nella sua vita si susseguono avvenimenti quotidiani ed ordinari che possono essere esperiti da tutti, oltre che alle vicende legate all'ambientazione storica scelta, che vede l'inizio e la fine delle due Guerre Mondiali.

Questa ambientazione viene analizzata solo dal punto di vista psicologico. Ciò che ci viene raccontato è lo stato d'animo dei giovani che hanno deciso di parteciparvi attivamente per la propria Patria, di coloro che invece hanno scelto di continuare la loro vita cercando di relegarla al di fuori del proprio mondo e, infine, di coloro che, comprendendone la gravità, hanno visto cadere le proprie speranze nell'umanità.
Anche dal punto di vista geografico la storia si sofferma più sulle sensazioni che sulle descrizioni vere e proprie. Stoner passa da un luogo rurale e campestre all'Università, luogo totalmente diverso, che gli suscita emozioni inaspettate.

Una guerra non solo uccide qualche migliaio, o qualche centinaio di migliaia di giovani. Uccide anche qualcosa dentro le persone, qualcosa che non si può più recuperare.

Il ritmo è piuttosto lento, sebbene non arrechi particolari danni al lettore, permettendogli di far scorrere le pagine senza troppa pesantezza. Le prime cento pagine sono introduttive, le seconde cento aggiungono nuovi elementi che, finalmente, smuovono la situazione, pur lasciando spazi ad alcuni passaggi non del tutto necessari. Le ultime cento si leggono molto più velocemente grazie a ciò che succede e che catturerà totalmente l'attenzione del lettore.

Il finale, in realtà, è facilmente prevedibile sin dalle battute iniziali. Anche qui potrete notare come non sia lo scalpore o il colpo di scena a guidare le parole di Williams, bensì la coerenza con quanto Williams voleva trasmetterci.

Ciò che, infatti, noterete alla chiusura del libro è il suo forte messaggio. Stoner è un uomo che non ama l'introspezione e che preferisce la sensazione di impotenza all'azione. La sua condotta insegna al lettore come l'andamento della nostra vita dipenda grandemente da noi e ci fa riflettere sulle scelte che, a volte, prendiamo più per inerzia che per logica.

Era arrivato a un'età in cui, con intensità crescente, gli si presentava sempre la stessa domanda, di una semplicità così disarmante che non aveva gli strumenti per affrontarla. Si ritrovava a chiedersi se la sua vita fosse degna di essere vissuta.

Questo messaggio viene trasmesso in modo talmente forte da incidere molto sull'atmosfera percepita che, nella prima metà del libro è, invece, quasi assente. Persino chi fatica a provare emozioni, si ritroverà costretto ad ammettere, una volta chiuso il volume, di aver provato qualcosa di forte. Questo fa comprendere l'apprezzamento della maggior parte dei lettori.

I personaggi vengono descritti bene, ma sono raccontati dal punto di vista del protagonista, uomo che non desidera scavare a fondo nemmeno in sé stesso e che, di conseguenza, non possiede grande capacità di immedesimazione e di introspezione nelle altre persone. Impariamo a conoscerli, perciò, più come personaggi positivi o negativi della vita di William, piuttosto che per la loro anima più profonda.

Non era abituato all'introspezione, e riflettere sulle proprie motivazioni gli risultava difficile e anche un po' sgradevole. Sentiva di aver poco da offrire a se stesso, e che non c'era molto da scoprire dentro di sé.

Ora, invece, vi accenno ciò che ho esperito nella mia personale lettura, premettendo che ciò che dirà d'ora in poi vale solamente per me e non sarò obiettiva, ma darò la mia personale interpretazione.

Prima di tutto, devo ammettere di essere partita con aspettative alte che sono rimaste immediatamente deluse notando lo stile. 

John Williams scrive bene, ma la sua scrittura (in questo volume) è anonima, priva di guizzi stilistici di alcun genere e, sebbene sia anche coerente con quanto viene raccontato (poiché i guizzi non ci sono nemmeno nell'interiorità del protagonista e nella sua storia), io non posso assolutamente (per i miei gusti personali) associare una scrittura piatta ed impersonale alla mia idea di capolavoro della Letteratura. Mi era chiaro sin da subito che non avrei potuto amarlo come altre persone, perché questo aspetto è immancabile per me, anzi, fa da base a tutto il resto.

Ammetto poi che per tutta la lettura non ho fatto altro che cercare di comprendere il perché questo romanzo piacesse tanto: non è uno scritto d'avanguardia, la storia è semplice e a tratti molto lenta (aspetto che io apprezzo ma che normalmente non piace alla maggioranza dei lettori) e non mi pareva che l'autore facesse in alcun modo leva sull'emotività, (aspetto che solitamente io non amo ma che so essere molto apprezzato dalla maggioranza dei lettori). Mi sfuggiva, perciò, come una così grande fetta di lettori (profondamente diversi tra loro) potesse apprezzarlo così tanto.
Ho capito solo nelle ultime pagine che questo libro merita di essere letto per il suo messaggio, per quanto sia proprio ciò che mi ha fatto pentire di aver affrontato la lettura perché su di me ha avuto un effetto profondamente diverso da quello che avrebbe dovuto.

Ciò che John Williams ci trasmette ha, infatti, grande importanza e, se è la prima volta che ci si scontra con la verità sulla vita che rappresenta, è assolutamente insostituibile, io stessa mi sentirei di consigliarlo ai più giovani o a coloro che non hanno ancora esperito questa conoscenza sulla loro pelle. Che un autore riesca a far arrivare, senza utilizzare espedienti letterari di alcun genere e senza tentare di rimarcare a tutti i costi questo aspetto, una verità così intangibile e non ovvia, è senza ombra di dubbio encomiabile e unico.

Il problema si presenta se questa grande verità è già conosciuta dal lettore. Allora si noteranno i limiti che la letteratura ha nei confronti della vita, o meglio, si notano quelli che questo particolare libro ha, perché io ritengo che ci siano Opere che riescono pienamente a rappresentarla. Williams, infatti, dipinge una vita senza esagerare, forse per mantenere la credibilità, che in effetti è assicurata e che, paradossalmente, lo è meno quando si parla di accadimenti reali. La vita però va ben oltre a questo e per poterla rappresentare appieno bisogna osare e saperlo fare, cosa che questo autore non ha voluto tentare, forse anche per scelta.

Io confesso di aver provato una rabbia incredibile leggendolo: non solo ho odiato ogni personaggio (ma questo è voluto e normale), ho detestato anche il protagonista, così superficiale da rovinare anche la vita di altri, senza prendersene la responsabilità che, invece, avrebbe dovuto attribuirsi totalmente (perlomeno in un caso specifico che non esplicito per non farvi anticipazioni).

In conclusione, Stoner è un romanzo che non lascia indifferenti e che può aiutare tante persone a capire qualcosa di importante, che potrà fare la differenza anche nella loro vita reale. Io, però, ho avuto l'impressione di farmi dire, in modo troppo limitato, cose che già conosco fin troppo bene. Riconosco in lui una grande capacità di far emozionare, ma ciò che ha lasciato a me (ma che non necessariamente capiterà a voi) è rabbia, senso di ingiustizia e fastidio, e io da un libro cerco tutt'altro.

Si tratta, dunque, di un buon libro. Essendo definito un capolavoro, però, mi sento di essere più rigida e di farvi un distinguo; si tratta di un volume che può dare anche tantissimo, ma si distingue più per il contenuto che per la forma.

Per questo, mi sento di consigliarlo solamente a coloro che da un romanzo cercano l'emozione, non quella facile dei romanzi più sentimentali, ma quella d'impatto che ci costringe a vedere qualcosa che, forse, preferiremmo non notare, specialmente se è troppo tardi per farlo.
Non è adatto, invece, a chi cerca maggiormente l'esercizio di stile (come me) o la suspense, perché mancano totalmente.

Citazioni

Passava così tanto tempo a leggere e rileggere i testi di letteratura che il suo rendimento negli altri corsi cominciò a soffrirne. Eppure le parole che leggeva restavano dei meri caratteri impressi sulle pagine, e non riusciva a comprendere il senso di quel che faceva.

La sua educazione era fondata sul presupposto che qualcuno l'avrebbe sempre protetta dalle grandi difficoltà della vita e che in cambio di tale protezione il suo unico dovere sarebbe stato quello di comportarsi come un grazioso e raffinato accessorio – poiché per le ragazze della sua estrazione sociale ed economica la protezione era quasi un obbligo sacro.

L'amore per la letteratura, per il linguaggio, per il mistero della mente e del cuore che si rivelano in quella minuta, strana e imprevedibile combinazione di lettere e parole, di neri e gelidi caratteri stampati sulla carta, l'amore che aveva sempre nascosto come se fosse illecito e pericoloso, cominciò a esprimersi dapprima in modo incerto, poi con coraggio sempre maggiore. Infine con orgoglio.

Stranamente, quasi con distacco, vide che le mani, tra cui teneva un libro, avevano cominciato a tremargli. Tremarono per un lungo istante prima che riuscisse a riacquistarne il controllo, schiacciandole in fondo alle tasche, stringendole e tenendocele dentro a forza.

«Non ha importanza».
E d'improvviso, dopo averlo detto, si accorse che davvero non aveva importanza. In quell'istante capì che era sincero e, per la prima volta dopo mesi, si sentì alleggerito dal peso di una disperazione la cui gravità non aveva mai realizzato fino in fondo.

... che la persona che amiamo da subito non è quella che amiamo per davvero e che l'amore non è una fine ma un processo attraverso il quale una persona tenta di conoscerne un'altra.

In un certo senso fu un trionfo, al quale tuttavia continuò a guardare con atteggiamento ironico e sprezzante, come una vittoria ottenuta solo con la noia e l'indifferenza.

Era come se qualcosa, in lei, si fosse liberato, acquistando una mollezza disperata, come se qualcosa di informe avesse combattuto per uscire e fosse finalmente riuscito ad esplodere, convincendo la sua carne a rivelare quell'oscura e segreta esistenza.

Sinossi ufficiale

"William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarant'anni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto 'Stoner' tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti." (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!


Privacy Policy

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.