Sole di mezzanotte (Il Pescatore, Vol. 2)

Di Jo Nesbø
Voto: 7
Prima edizione: 2015
Numero di pagine: 202
Editore: Einaudi
Consigliato: Ni

Tags: Audiolibro
Amazon

Trama in breve

Jon sta scappando da qualcosa e giunge ad un paesino all'estremo nord del Paese. Qui incontra delle persone che gli faranno cambiare idea su sé stesso e i propri limiti e gli permetteranno di imparare dai propri errori.

Recensione

Con il mio abbonamento di Audible ho scelto, anche questa volta, di sperimentare completamente. Il libro prescelto è stato Sole di Mezzanotte di Jo Nesbø, autore di cui non ho mai letto nulla e di cui sapevo ben poco, se non che scrive thriller.

Immaginate, perciò, la mia sorpresa quando ho scoperto, dopo più di un'ora di lettura, che questo romanzo non solo non è classificabile come tale, perché non ne presenta le principali caratteristiche (primo su tutti il ritmo travolgente), e che inoltre, è il secondo volume di una serie.
Ho comunque deciso di andare avanti con l'ascolto perché mi stava piacendo e di anticipazioni sul libro precedente ritenevo di averne già sentite a sufficienza da essermi tolta il piacere di un'eventuale lettura. Ho scoperto ora a fine lettura che la trama del volume precedente è completamente autonoma, se non per la presenza del personaggio del Pescatore (piuttosto marginale in questa vicenda), quindi i due volumi possono essere letti anche in ordine sparso.

Questo primo approccio con Nesbø, perciò, non è probabilmente stato dei migliori e, ancora una volta, ci tengo a ribadire che la mia recensione, valutazione e pro e contro compresi, parleranno dell'audiolibro e non del libro cartaceo o ebook. Le mie impressioni, infatti, potrebbero essere totalmente diverse leggendo autonomamente e avendone il testo sotto.

Come accade quasi sempre con gli audiolibri ho scelto questa lettura a causa del doppiatore che, in questo caso, è Pino Insegno
La sua voce mi piace molto e ritengo che sia molto bravo a doppiare qualunque personaggio.
D'altro canto in questa particolare lettura ho rilevato qualche piccolissima stonatura, come se Insegno si fosse ritrovato a leggere ogni frase per la prima volta e, come è normale, in pochissime occasioni non avesse capito a quale parola in particolare dare importanza e non gli avessero dato l'opportunità di registrare una seconda lettura, più centrata. Si tratta di frammenti piccoli e quasi insignificanti, ma visto che in un audiolibro quello che ricerco maggiormente è una lettura scorrevole ma credibile e soprattutto sicura, ritengo che essi possano influire negativamente sull'impressione generale.

La trama del libro vede Jon, il protagonista, arrivare ad un paesino a 1800 km da casa sua. Il motivo del viaggio viene presto svelato: l'uomo è inseguito da qualcuno di pericoloso. Il mistero da svelare sul suo passato di è stato, inizialmente, molto intrigante e uno dei motivi di interesse maggiore da parte mia per continuare l'ascolto, successivamente questo elemento diventa più un riempitivo della storia principale.

Lo svolgimento, infatti, presenta al suo interno una doppia natura, quella che continua la parte più thriller del libro dove, tramite flashback e nuovi accadimenti, scopriamo cosa è successo al protagonista in precedenza e ci preoccupiamo sulla sua incolumità futura.
D'altra parte si sviluppa una storia d'amore, ben chiara sin dall'inizio, ma sufficientemente tormentata.

Il finale è piuttosto semplice da indovinare, non mi ha stupita ma è stato piacevole da ascoltare, forse l'avrei apprezzato meno leggendolo perché i miei gusti convergono verso l'estremo opposto.

Per quanto il libro sia breve, 202 pagine di lettura e poco più di 5 ore di ascolto, non posso definire il ritmo veloce. 
Nesbø dà grande spazio alle descrizioni e ai flashback. Ogni colpo di scena è preceduto da un momento piuttosto riflessivo e statico del protagonista.
Il libro, insomma, si legge bene e senza intoppi ma non porta il lettore ad ascoltarlo ininterrottamente per scoprire cosa accadrà dopo.

L'ambientazione è suggestiva sia per la sua essenza, molto diversa da quella che sono solita leggere; un paesaggio infinito ed immenso, freddo e desolato, dove il sole non tramonta mai e i suoni si sentono anche a distanze incredibili, sia per le descrizioni dell'autore che indugiano molto su di esso e cita più volte le sue caratteristiche principali. Kasund si trova a 1800 km dalla grande città da cui proviene il protagonista, Oslo.
Nell'estratto di Audible comprendiamo immediatamente l'enorme importanza di questo aspetto.

Il punto di vista del racconto è focalizzato sul protagonista, Jon (che durante quasi tutto il romanzo viene chiamato Ulf), rendendo solo la sua psicologia evidente e completa. L'uomo sta attraversando un periodo particolarmente pericoloso ed intenso della propria vita, non stupisce perciò che i suoi pensieri siano focalizzati sui suoi errori passati, rendendo il personaggio molto malinconico e chiuso in sé stesso.
Gli altri personaggi vengono raccontati dal suo punto di vista e, per quanto significativi e in alcuni casi molto divertenti, non vengono approfonditi del tutto. Capiamo di loro probabilmente di più di quanto riesce ad arguire lo scettico protagonista. 
I legami che si instaurano tra loro sono stati uno degli aspetti più piacevoli dell'ascolto.

Ritengo che negli audiolibri percepire l'atmosfera sia più semplice (almeno per me), nonostante questo non sono stata avvinta da tutta la storia. 
Paradossalmente le parti emozionali che, solitamente, non mi coinvolgono affatto, mi hanno convinta (nonostante continuino a non appassionarmi) più di quelle di suspense, che si avvicinano a quelle di un noir senza, però, raggiungerle del tutto.
Non ho letto altro dell'autore ma, essendo famoso per i suoi thriller, voglio immaginare che la scelta di rendere così piatte le scene di pericolo fosse consapevole e dettata da un diverso taglio che Nesbø voleva dare a questa storia.

In conclusione, Sole di Mezzanotte di Jo Nesbø è un libro carino e piacevole che non va letto come un thriller, sebbene al suo interno vi siano alcuni aspetti anche di questo genere. 

Anche se non ho letto il libro cartaceo, tendo a pensare che mi sarebbe piaciuto meno dell'audiolibro.
Quest'ultimo lo consiglio solo ai neofiti del genere che vogliono cominciare con qualcosa di leggero e di più semplice lettura e a coloro che apprezzano le storie d'amore.
Se state scegliendo il vostro primo audiolibro, questo non è quello giusto da cui iniziare.

Bravo Pino Insegno, sceglierò sicuramente qualche altro audiolibro letto da lui.

Eccovi il link dell'audiolibro su Amazon: Sole di Mezzanotte, letto da Pino Insegno.

Sinossi ufficiale

Dice di chiamarsi Ulf, e cerca un posto dove nascondersi. Cosi ha viaggiato per 1800 chilometri su treni e autobus fino a un paesino sperduto, nell'estremo nord della Norvegia. Aveva dei buoni motivi per tradire il Pescatore, il signore della droga con cui lavorava a Oslo, ma ora ha i suoi sicari alle calcagna. Inutile continuare a scappare. A Kasund, almeno, ha trovato un capanno da caccia, una donna quasi bella e un ragazzino che non vedeva l'ora di parlare con un forestiero. Non dovrà attendere a lungo per scoprire se, anche per uno come lui, è possibile una redenzione. Oppure se davvero la speranza non è altro che un'invenzione del diavolo.

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!


Privacy Policy

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.