Il gigante sepolto

Di Kazuo Ishiguro
Titolo originale: The Buried Giant
Voto: 7,5
Prima edizione: 2015
Numero di pagine: 320
Editore: Einaudi
Consigliato:

Tags: Contemporaneo, Inglese, Fantasy, Nobel
Amazon

Trama in breve

Una nebbia fitta avvolge l'antica Britannia. Tutti gli abitanti del luogo non riescono a ricordare il passato, nemmeno quello più vicino.

Dedica

Deborah Rogers

1938-2014

Incipit

A lungo avreste cercato il tratturo serpeggiante o il quieto prato per cui l'Inghilterra sarebbe nel tempo divenuta celebre.

Recensione

Di Kazuo Ishiguro, premio Nobel per la Letteratura del 2017, non avevo letto ancora nulla.

Il gigante sepolto è un romanzo fantasy e, forse, non il migliore da cui iniziare. 

Lo stile utilizzato, infatti, è molto aderente al genere raccontato e non so se possa corrispondere alla scrittura usuale dell'autore.
Le parole scelte sono perfette per rendere l'atmosfera fantasy/fiabesca ma non lasciano un particolare segno: non mi sarebbe possibile distinguere la sua narrazione da quella di altri romanzieri inglesi che si occupano dello stesso genere.
Inoltre, sono rimasta spiazzata da questo elemento perché, a causa della mia ignoranza sull'autore, pensavo che esso avesse una forte influenza orientale, in realtà Ishiguro può essere considerato un inglese dalle sole origini giapponesi e ciò si riscontra molto nella sua scrittura.

L'incipit del libro introduce l'ambientazione: ci troviamo nell'antica Britannia, subito dopo il regno di Artù.

La trama è interessante e significativa. Una fitta nebbia avvolge ogni luogo, impedendo ad ogni persona di conservare i proprio ricordi. Anche il passato prossimo viene immediatamente dimenticato.

Nello svolgimento questo aspetto viene approfondito e pian piano spiegato, ma saranno molte le verità che scopriremo solamente all'ultimo e che ribalteranno la maggioranza delle nostre certezze.

Il finale è, senza dubbio, il momento migliore del romanzo grazie all'importanza di ciò che accade.

Il ritmo di lettura è lento, ma tramite un escamotage strutturale scorre più velocemente, inducendo il lettore a proseguire.

L'escamotage di cui vi parlo è anche l'elemento che dimostra maggiormente la bravura dell'autore. Tra un capitolo e l'altro, infatti, troviamo salti temporali che vengono colmati con lunghi flashback che, spesso, contengono al loro interno altri ricordi anche meno recenti.
Questa scelta strutturale è difficilissima da portare avanti e perché diventi non solo un aspetto piacevole ma anche il suo più grande punto di forza, bisogna che l'autore abbia una grande capacità. Ishiguro non fallisce e ci mostra tutta la sua bravura, nonostante essa non basti a colmare tutti gli spazi vuoti della storia. Una narrazione più lineare probabilmente sarebbe stata noiosa per i più, ma avrebbe obbligato lo scrittore ad aggiungere molte più scene.

I personaggi da lui descritti sono bugiardi e smemorati (a volte per scelta). È facile comprenderne le conseguenze: non impariamo a conoscerli se non quando svelano la loro vera essenza e, anche il quel momento, non si ha l'impressione di averli conosciuti nel profondo ma solamente per loro alcune caratteristiche. Non ho apprezzato i loro rapporti interpersonali, soprattutto quello dei due anziani coniugi.

L'atmosfera oscilla tra il fiabesco e il mistery: comprendiamo che ci sono molte cose che non quadrano e a portarci avanti con la lettura è più la curiosità di comprendere cosa nascondano i protagonisti che la volontà di godersi il loro cammino.

Il messaggio è chiaro: cosa siamo noi senza la nostra memoria? Le emozioni che proviamo hanno un senso, se sono destinate a perdersi nell'oblio? Ishiguro lascia al lettore trarre le proprie conclusioni, sebbene la direzione prescelta sia evidente e porti alla significatività del finale.

In conclusione, Il gigante sepolto di Kazuo Ishiguro è un fantasy di livello che scorre senza troppi intoppi e lascia un bel ricordo. È piacevole ma non mi ha fatto comprendere al meglio il perché dell'assegnazione del Premio Nobel. Procederò presto a leggere altro dell'autore per poterne avere una visione più ampia.

Lo consiglio a tutti perché è piacevole ed interessante, sebbene non lo indicherei mai in una lista di letture immancabili.

Se siete esperti dell'autore vi invito a farmi sapere cosa ne pensate di questo romanzo: è tra i migliori? E lo stile utilizzato è quello usuale?

Citazioni

In quella comunità infatti si parlava di rado del passato. Non voglio dire che fosse un argomento tabù. Piuttosto, che era a poco a poco svanito in una nebbia fitta come quella che pesava sopra agli acquitrini. Non c'era l'uso di passare al passato, tra quella gente, nemmeno se prossimo.

Come mai adesso tutti quanti, te compresa, vi siete scordati della sua esistenza?

Deve essere tutta colpa della nebbia. Un mucchio di cose sono felice di lasciarle andare, ma è una crudeltà quando se ne va un ricordo prezioso come questo.

E d'altra parte mi chiedo se quel che abbiamo oggi nel cuore non somigli alle gocce di pioggia che continuano a caderci sulla testa dalla chioma grondante di quest'albero, anche se dal cielo ormai non piove più. Mi chiedo se, senza ricordi, il nostro amore non sia destinato a morire sbiadendo a poco a poco.

– Dimenticarmi di te? Perché mai dovrei, principessa?
– La nebbia ci fa dimenticare tante cose. Perché non l'uno dell'altra?

Sinossi ufficiale

Il leggendario re Artù è morto ormai da qualche tempo ma la pace che egli ha imposto sulla futura Inghilterra, dilaniata per decenni dalla guerra intestina fra sassoni e britanni, seppure incerta, perdura. Nella dimora buia e angusta di Axl e Beatrice, tuttavia, non vi è pace possibile. La coppia di anziani coniugi britanni è afflitta da un arcano tormento: una sorta di inspiegabile amnesia che priva i due di una storia condivisa. A causarla pare essere una strana nebbia dilagante che, villaggio dopo villaggio, avvolge indistintamente tutte le popolazioni, ammorbandole con i suoi miasmi. Axl e Beatrice ricordano di aver avuto un figlio, ma non sanno più dove si trovi, né che cosa li abbia separati da lui. Non possono indugiare oltre: a dispetto della vecchiaia e dei pericoli devono mettersi in viaggio e scoprire l'origine della nebbia incantata, prima che la memoria di ciò a cui più tengono sia perduta per sempre. Lungo il cammino si uniscono ad altri viandanti - il giovane Edwin, che porta il marchio di un demone, e il valoroso guerriero sassone Wistan, in missione per conto del suo re - e con essi affrontano ogni genere di prodigio: la violenza cieca degli orchi e le insidie di un antico monastero, lo scrutinio di un oscuro barcaiolo e l'aggressione di maligni folletti, il vetusto cavaliere di Artù Galvano e il potente drago Querig...

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!


Privacy Policy

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.