Una casa a Parigi

Di S. L. Grey
Titolo originale: The Apartment
Voto: 7
Prima edizione: 2016
Numero di pagine: 300
Editore: DeA Planeta Libri
Consigliato:

Tags: Inglese, Thriller, Soprannaturale, Contemporaneo, Sudafricano
Amazon

Trama in breve

Mark e Steph sono una neo coppia che attraversa un'importante crisi: dei ladri si sono introdotti in casa loro e hanno rubato sotto ai loro occhi impotenti molti oggetti di valore. Da quel giorno sono nati diversi problemi che sembrano portare ad un'unica soluzione: una vacanza che possa farli tranquillizzare e rendere di nuovo complici! La casa di Parigi, però, non sembra corrispondere alle idee iniziali...

Incipit

Mark

Il vino mi ha dato alla testa. Me ne accorgo mentre vado in cucina a prendere un'altra bottiglia. Sono brillo al punto giusto, la mente sgombra da pensieri e una sensazione di calore che mi avvolge.

Recensione

«Tu fai attenzione qui. Non è per chi vive.»

Una casa a Parigi di S. L. Grey è un thriller psicologico edito da DeA Planeta Libri. 

Appena sono venuta a conoscenza di questa nuova uscita mi sono incuriosita: solitamente associo questo editore a libri per ragazzi e, invece, la trama di quel romanzo mi sembrava orientata verso un pubblico più adulto, come è già successo nella mia precedente lettura: So tutto di te.

Parto subito con il darvi un'informazione di cui io stessa non ero a conoscenza: S. L. Grey è uno pseudonimo che racchiude due autori diversi Sarah Lotz e Louis Greenberg. Non ho letto altre loro opere singole in precedenza perciò non ho la possibilità di distinguere quali siano i meriti dell'uno o dell'altra all'interno della narrazione.

La trama di questo romanzo non si spinge fino all'horror puro, ma lo sfiora attraverso numerosissimi elementi soprannaturali. L'idea da cui parte l'orrore non è evidente da subito e si chiarisce poco a poco, introducendoci nell'atmosfera passo per passo.

Un aspetto fondamentale è la struttura: Una casa a Parigi è suddiviso in due tipologie di capitoli. La prima è dal punto di vista dell'uomo protagonista, Mark. I capitoli dedicati a lui sono scritti al presente e in prima persona, dandoci l'impressione di vedere le scene da lui vissute sul momento e viverle, quindi, pienamente.
La seconda tipologia di capitoli è quella dedicata a Steph, la donna della coppia protagonista. I suoi capitoli sono al passato e danno la sensazione di essere raccontati ad un esterno, come se la giovane fosse interpellata da qualcuno al di fuori del romanzo.
Mentre i capitoli di Mark ci aiutano a sentire ciò che accade come reale e coinvolgente, quelli di Steph fanno crescere la voglia di leggere cosa succederà poi, perché sono ricchi di piccole anticipazioni che ci fanno comprendere che il peggio deve ancora arrivare.

Ancora oggi non so cosa gli fosse capitato. Non me l'ha mai detto, anche quando ormai non aveva più niente da perdere.

Questa struttura garantisce un ritmo di lettura molto veloce. Non solo i capitoli sono snelli e, quindi, rapidi da leggere, ma la voglia di scoprire ciò che accade dopo invita il lettore a terminarlo in fretta.

Lo stile è credibile ma non del tutto omogeneo, probabilmente a causa della scrittura a quattro mani. Non è mai sbagliato o fuori luogo, ma possiede al suo interno frammenti meglio riusciti rispetto ad altri. La cura è buona, ma nel mio ebook sono presenti alcuni refusi, forse dovuti alla formattazione.

Come ho già anticipato, la storia viene introdotta poco a poco, l'incipit perciò non svela il cuore vero e proprio della narrazione. Dopo pochissime righe, però, si comincia subito a comprendere la connotazione psicologica del romanzo e si comincia a percepire la paura provata dal protagonista maschile.

Sarà nello svolgimento in cui comprenderemo pienamente dove risiede il vero orrore... fino a giungere ad un finale ben scritto e completamente allineato all'horror classico; una bella sorpresa!

Anche l'atmosfera è crescente: con l'avanzare nella trama gli eventi si fanno sempre più precipitosi ed importanti. Trovo che la scelta di non partire velocemente, lasciando spazio alla conoscenza dei personaggi e della situazione, sia stata vincente. In questo modo durante gli accadimenti più eclatanti noi sappiamo già il background di Mark e Steph e catalizziamo la nostra attenzione solo sulle novità, comprendendo pienamente ciò che accade e i loro comportamenti.

L'aspetto che mi ha colpita maggiormente è la resa dei due protagonisti: gli autori sono riusciti a mantenere il mistero ma, al contempo, farci capire cosa succede dentro di loro. Gli altri personaggi, invece, sono secondari nella vicenda e, per questo motivo, vengono approfonditi molto meno.

Sicuramente, quando il titolo di un libro cita Parigi, il lettore spera di trovare numerose descrizioni della città dell'amore. È evidente, però, che in un thriller psicologico di spazio per questo elemento ce ne sia poco; si rischierebbe di rovinarne l'atmosfera.
Mentre le descrizioni relative a ciò che stride e orripila dei luoghi visitati sono chiare e semplici da immaginare, oltre che d'impatto, gli aspetti relativi all'ambientazione in generale sono meno numerosi e rilevanti.

In conclusione, Una casa a Parigi è un libro che stupisce per l'introspezione psicologica e la resa dell'atmosfera. Si legge velocemente e volentieri.

Per questo motivo lo consiglio: perfetto da leggere al mare Sotto l'ombrellone!

Citazioni

La verità è che accanto a questa donna forte, giovane e decisa, mi sento vulnerabile come un passerotto.

La psicologa alla stazione di polizia ci ha consigliato di soffiare fuori la paura, di liberare l'energia negativa intrappolata dentro di noi. Ma l'idea di privarmi della paura mi terrorizza: la paura è utile, mi aiuta a restare vigile.

Da quando i ladri avevano fatto irruzione da noi, l'atmosfera tra le mura domestiche era cambiata, era diventata di colpo più cupa. Come se la luce del sole non riuscisse più a farsi strada all'interno.

Fare la cosa giusta. È sempre stato questo il mio primo pensiero.

Quando passiamo accanto alla porta cadente del magazzino, cerco di non pensare ai fantasmi, ai cadaveri, alla morte.

Il sole scintilla sull'oceano, e una brezza leggera mi accarezza la pelle. Visto da qui, il cielo sembra senza fine.

Però forse mi sbaglio: forse siamo noi gli intrusi, i fantasmi da cacciare. Forse vogliono solo che ce ne andiamo.

Io sono le mie ferite e le mie cicatrici.

Prima sembrava così importante, la vita.

Forse per liberarmi dall'orrore e ritrovare una prospettiva era necessario che sprofondassi nell'oscurità.

Sinossi ufficiale

Parigi è sempre una buona idea, specie quando il matrimonio attraversa acque burrascose e il bisogno di dimenticare un trauma recente accende il desiderio di evadere e di voltare pagina. È così che Mark e Stephanie, affidata la figlioletta ai nonni, partono da Cape Town alla volta della capitale francese, decisi a concedersi una settimana romanticamente perfetta tra pittoreschi bistrot e passeggiate mano nella mano. Ma il "delizioso" nido d'amore promesso dal sito di scambi d'appartamento si rivela molto diverso dalle aspettative; e mentre nulla tra Mark e Steph sembra andare per il verso giusto, a Cape Town non c'è traccia della misteriosa famiglia che avrebbe dovuto installarsi nella villetta dei due. Mano a mano che la vacanza perfetta prende i colori dell'incubo, il sospetto che qualcosa di oscuro possa nascondersi dietro l'intera vicenda si fa strada nella mente di Steph e del lettore. E la chiave di tutto, forse, va cercata nel passato di Mark. Perché non c'è oscurità più terribile di quella che ci portiamo dentro.

Potrebbe piacerti anche...

Commenti

Nessun commento, commenta per primo!

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter!

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti del sito su nuove recensioni, post e funzionalità, iscriviti!


Privacy Policy

© 2016 LQV

Leggo Quando Voglio partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.